Nome MARTARELLI MILENA
   
  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  
Telefono 3486045733  
Email milena.martarelli@uniecampus.it  
     
Insegnamenti
  • DIDATTICA DI METROLOGIA E DISEGNO MECCANICO - CORSO PAS - CLASSE DI CONCORSO A020 - DISCIPLINE MECCANICHE E TECNOLOGIA - 3 cfu
  • INTRODUZIONE ALLA TERMOGRAFIA E APPLICAZIONI IN AMBITO MECCANICO - EDILIZIO - INTRODUZIONE ALLA TERMOGRAFIA E APPLICAZIONI IN AMBITO MECCANICO - EDILIZIO - 1 cfu
  • LABORATORIO DI METROLOGIA - CORSO PAS - CLASSE DI CONCORSO C320 - LABORATORIO MECCANICO TECNOLOGICO - 2 cfu
  • METODI SPERIMENTALI PER LA DINAMICA STRUTTURALE - INGEGNERIA INDUSTRIALE - CURR. PROGETTUALE MECCANICO - 6 cfu
  • METODI SPERIMENTALI PER LA DINAMICA STRUTTURALE - INGEGNERIA INDUSTRIALE - CURR. TECNOLOGICO GESTIONALE - 6 cfu
  • METODI SPERIMENTALI PER LA DINAMICA STRUTTURALE - INGEGNERIA INDUSTRIALE - CURR. TERMOMECCANICO - 6 cfu
  • MISURE MECCANICHE E TERMICHE - INGEGNERIA DELL'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (D.M. 509/99) - 5 cfu
  • MISURE MECCANICHE E TERMICHE - INGEGNERIA INDUSTRIALE CURR. CHIMICO - 9 cfu
  • MISURE MECCANICHE E TERMICHE - INGEGNERIA INDUSTRIALE CURR. ENERGETICO (D.M. 270/04) - 9 cfu
  • MISURE MECCANICHE E TERMICHE - INGEGNERIA INDUSTRIALE CURR. GESTIONALE (D.M. 270/04) - 9 cfu
  • MISURE MECCANICHE E TERMICHE - INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE (D.M. 270/04) - 6 cfu
  • MISURE MECCANICHE E TERMICHE - INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE CURR. DRONI - 6 cfu
  • MISURE MECCANICHE E TERMICHE - INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE CURR. INGEGNERIA INFORMATICA E DELLE APP - 6 cfu
  • MISURE MECCANICHE E TERMICHE - INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE CURR. SISTEMI DI ELABORAZIONE E CONTROLLO - 6 cfu
  • MISURE MECCANICHE, TERMICHE E COLLAUDO - INGEGNERIA ENERGETICA (D.M. 509/99) - 5 cfu
  • MISURE PER IL CONTROLLO DI QUALITA' - INGEGNERIA INDUSTRIALE - CURR. TECNOLOGICO GESTIONALE - 9 cfu
  • MISURE PER IL CONTROLLO DI QUALITA' - INGEGNERIA INDUSTRIALE - CURR. TERMOMECCANICO - 9 cfu
 
     
Curriculum Visualizza curriculum vitae  

Pubblicazioni

A.B. Stanbridge, M. Martarelli, D.J. Ewins, “Scanning laser Doppler vibrometer applied to impact modal testing”, 32, 1, 2000, pp. 35, Shock and Vibration Digest.

M. Martarelli, G. M. Revel, C. Santolini, “Automated Modal Analysis by Scanning Laser Vibrometry: Problems and Uncertainties Associated with the Scanning System Calibration”, Mechanical Systems and Signal Processing, 15, 3, 2001, pp. 581-601, ISSN 0888-3270.

A. B. Stanbridge, M. Martarelli, D. J. Ewins, “Measuring Strain Response Mode Shapes with a Continuous-Scan LDV”, Shock and Vibration, 9, 1, 2002, pp. 19-27, ISSN 1070-9622.

A. B. Stanbridge, M. Martarelli, D. J. Ewins, “Measuring Area Vibration Mode Shapes with a Continuous-Scan LDV”, Measurement, 35, 2, 2004, pp. 181-189, ISSN 0263-2241.

M. Martarelli, G.M. Revel, “Laser Doppler Vibrometry and Near-Field Acoustic Holography: different approaches for surface velocity distribution measurement”, Mechanical Systems and Signal Processing, 20, 6, 2006, pp. 1312-1321, ISSN 0888-3270.

M. Martarelli, D. J. Ewins, “Continuous scanning Laser Doppler Vibrometry and speckle noise occurrence“, Mechanical Systems and Signal Processing, 20, 8, 2006, pp. 2277-2289, ISSN 0888-3270.

P. Castellini, M. Martarelli, E.P. Tomasini, “Laser Doppler Vibrometry: Development of advanced solutions answering to technology’s needs”, Mechanical Systems and Signal Processing, 20, 6, 2006, pp. 1265-1285, ISSN 0888-3270.


Note biografiche

Dal febbraio 1998 al giugno 2001 ha svolto il Dottorato di Ricerca in “Dinamica Strutturale” presso l’Imperial College di Londra.Il lavoro svolto durante il corso di Dottorato, incentrato sullo sviluppo di una tecnica innovativa “full-field” per la misura di vibrazioni mediante vibrometri laser a scansione continua, ha prodotto una tesi dal titolo “Exploiting the Laser Scanning Facility for Vibration Measurements”.

Dal 2001 al 2009 è stata Assegnista di Ricerca presso l’Università Politecnica delle Marche nel Settore “Misure Meccaniche e Termiche”. Argomento dell’attività di ricerca è: “Applicazione della vibrometria Laser Doppler e di tecniche di misura basate sull’olografia acustica per la modellazione del rumore di componenti automobilistici”.

Ha partecipato alla progettazione, redazione e svolgimento dell’attività di ricerca di alcuni progetti finanziati dalla Commissione Europea nell’ambito dei Programmi Quadro (ACES, SILENCE; CREDO) e focalizzati sulla vibro-acustica.

Negli anni accademici 2007/2008, 2008/2009 e 2009/2010 ha tenuto il corso di “Misure per il controllo di qualità” nel Corso di Laurea Magistrale-“Ingegneria Meccanica Industriale”, presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università Politecnica delle Marche.

 

   
Orari di ricevimento
Giorno della settimanaSede / InsegnamentiOrario InizioOrario FineNote
MartedìMISURE MECCANICHE E TERMICHE (6CFU)09:0010:00Ricevimento OnLine
MartedìMISURE MECCANICHE E TERMICHE (9CFU)11:0012:00Ricevimento OnLine
GiovedìMETODI SPERIMENTALI PER LA DINAMICA STRUTTURALE09:0010:00Ricevimento OnLine
GiovedìMISURE PER IL CONTROLLO DI QUALITA'11:0012:00Ricevimento OnLine
VenerdìMISURE PER IL CONTROLLO DI QUALITA14:0015:00Ricevimento OnLine


Documenti del docente


Sel.Descrizione
Esempio prova scritta Misure Meccaniche e Termiche
Esempio prova scritta Misure Controllo Qualità
Esempio prova scritta Metodi Sperimentali Dinamica

FAQ


Q: Come è strutturato l'esame?
A:

Corso di Misure Meccaniche e Termiche 

L'esame può essere sostenuto in modalità scritta o in modalità orale.
In modalità scritta l'esame può essere sostenuto in tutte le sedi dell'Università. L'esame scritto consiste in 28 domande a risposta multipla e 2 domande a risposta aperta. Le domande a risposta multipla valgono 1 punto, quelle a risposta aperta 2 punti. Se la risposta è sbagliata viene assegnato un punteggio pari a 0. Se lo studente, nella prova scritta, consegue una valutazione tra 16 e 18/30, può rifiutare il voto oppure chiedere di sostenere una integrazione orale che potrà avvenire solo nelle sedi di Novedrate e Roma.
Se lo studente sceglie di effettuare l'esame solo in modalità orale potrà sostenerlo solo nelle sedi di Novedrate e Roma.

Q: Come è strutturato l'esame?
A: Corso di Misure per il Controllo di Qualità

L'esame può essere sostenuto in modalità scritta o in modalità orale.
In modalità scritta l'esame può essere sostenuto in tutte le sedi dell'Università. L'esame scritto consiste in 28 domande a risposta multipla e 2 domande a risposta aperta. Le domande a risposta multipla valgono 1 punto, quelle a risposta aperta 2 punti. Se la risposta è sbagliata viene assegnato un punteggio pari a 0. Se lo studente, nella prova scritta, consegue una valutazione tra 16 e 18/30, può rifiutare il voto oppure chiedere di sostenere una integrazione orale che potrà avvenire solo nelle sedi di Novedrate e Roma.
Se lo studente sceglie di effettuare l'esame solo in modalità orale potrà sostenerlo solo nelle sedi di Novedrate e Roma.
Q: Come è strutturato l'esame?
A: Corso di Misure per la Dinamica Strutturale

L'esame può essere sostenuto in modalità scritta o in modalità orale.
In modalità scritta l'esame può essere sostenuto in tutte le sedi dell'Università. L'esame scritto consiste in 28 domande a risposta multipla e 2 domande a risposta aperta. Le domande a risposta multipla valgono 1 punto, quelle a risposta aperta 2 punti. Se la risposta è sbagliata viene assegnato un punteggio pari a 0. Se lo studente, nella prova scritta, consegue una valutazione tra 16 e 18/30, può rifiutare il voto oppure chiedere di sostenere una integrazione orale che potrà avvenire solo nelle sedi di Novedrate e Roma.
Se lo studente sceglie di effettuare l'esame solo in modalità orale potrà sostenerlo solo nelle sedi di Novedrate e Roma.
Q: Gli esercizi proposti nel corso devono essere svolti obbligatoriamente?
A: Corso di Misure per il Controllo di Qualità e di Misure per la Dinamica Strutturale

Gli esercizi in Matlab/Scilab non sono obbligatori, anche se Scilab è un codice open-source che può essere scaricato via web. Poiché parte fondamentale del corso è l’elaborazione dei segnali, per quegli studenti che hanno la possibilità di utilizzare questi codici l’esecuzione dell’esercizio potrebbe costituire un valore aggiunto per l’esame. In ogni caso non essendo obbligatoria la presentazione degli esercizi, gli studenti che non riescono a svolgerli possono concentrarsi maggiormente sulla parte concettuale e teorica.
Q: Le formule vanno imparate a memoria?
A: Le formule non vanno imparate a memoria ma è il loro significato che va compreso a fondo in modo da poterle derivare dalla fisica di base. 
Per esempio nella serie/trasformata di Fourier, è importante capire il significato della serie ovvero che un segnale periodico può essere scomposto in funzioni elementari ben note, le funzioni seno e coseno a frequenze multiple della frequenza fondamentale. Pertanto il segnale nel dominio della frequenza può essere rappresentato come la somma o l'integrale del segnale stesso moltiplicato per le funzioni seno o coseno della frequenza fondamentale e delle sue armoniche.
Q: E' obbligatorio presentare le relazioni suggerite dal docente nell'introduzione al corso?
A: Le relazioni non sono obbligatorie, ma può essere utile svolgere esercizi o esercitazioni e riportare lo svolgimento sotto forma di relazione tecnica per fissare i concetti teorici di base del corso.
Le relazioni vanno inviate via e-mail, tramite il servizio di messaggistica, una volta che sono pronte con un po' di anticipo rispetto alla data dell'esame in modo che il docente abbia tempo di correggerle e dare suggerimenti per il perfezionamento, se necessario.
 
Q: Ci sono argomenti del corso che vanno studiati più approfonditamente rispetto agli altri?
A: Non ci sono argomenti più o meno importanti; tutti quelli trattati nel corso sono da studiare in maniera dettagliata. 
Per quanto riguarda lo studio vanno studiate molto approfonditamente le lezioni teoriche e la prima sessione di studio che sono fondamentali per la comprensione degli argomenti proposti. Le sessioni di studio 2 e 3 sono degli approfondimenti o esercizi di ripasso che permettono di comprendere al meglio i concetti ma non sono da studiare.